• Primi tra i nostri obiettivi, curare la difesa, la tutela e la salvaguardia ecologiche dell'ambiente in tutti i suoi aspetti e svolgere attività finalizzate al miglioramento della qualità della vita nel territorio.

  • Ci occupiamo da sempre di promuovere iniziative dirette a ridurre ed a recuperare la quantità dei rifiuti prodotti. Promuovere e organizzare iniziative per la raccolta differenziata è per noi un impegno importante come anche coordinare la raccolta e il trasporto nonché la commercializzazione dei rifiuti comunque prodotti nel territorio di riferimento.

  • Attivare in relazione alle caratteristiche delle aree servite e alla natura dei rifiuti raccolti l'introduzione dei sistemi di trattamento più idonei, anche ai fini del loro possibile recupero energetico.

  • Per il perseguimento di tali obiettivi è primario curare la raccolta dei dati di produzione nei vari Comuni, formulare le proposte di aggiornamento del piano nell\'ambito di competenza ed effettuare e promuovere studi di fattibilità degli impianti di stoccaggio coinvolgendo Comuni diversi così da ripartire impegni e disagi.

  • Promuovere l'informazione e l'educazione ambientale sia nelle scuole che in altri ambiti, per una maggiore consapevlezza di tutti i cittadini nel territorio in ordine al recupero dell'energia e alla raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani.

Home Plastica
La Raccolta Differenziata - Plastica

Tra i rifiuti in plastica è possibile conferire:

  • bottiglie di acqua minerale, bibite, olio, succhi, latte
  • confezioni rigide per dolciumi (scatole trasparenti e vassoi interni a impronte)
  • confezioni rigide/flessibili per alimenti in genere (affettati, formaggi, pasta fresca, frutta, verdura)
  • buste e sacchetti per alimenti in genere (pasta, riso, patatine, salatini, caramelle, surgelati)
  • vaschette porta uova
  • vaschette per alimenti, carne, pesce· vaschette e barattoli per gelati
  • contenitori per yogurt
  • film e pellicole (carta trasparente)
  • coperchi
  • cassette per prodotti ortofrutticoli e alimentari

Non possono invece essere conferiti:

  • rifiuti ospedalieri (siringhe, sacche per plasma,)
  • beni durevoli in plastica (elettrodomestici, casalinghi, complementi d’arredo)
  • giocattoli
  • custodie per CD, musicassette, videocassette
  • piatti, bicchieri e posate di plastica
  • barattoli e sacchetti per colle, vernici, solventi
  • borsette, zainetti
  • posacenere, portamatite ecc.
  • bidoni e cestini portarifiuti
  • cartelle porta documenti ecc.
  • imballaggi con evidenti residui del contenuto


Alcuni accorgimenti

Affinché questo materiale possa essere effettivamente recuperato è necessario che i contenitori per alimenti non contengano residui di cibo (salse, formaggio, yogurt, gelato, ecc.).

Prima del conferimento al servizio di raccolta, è necessario che gli imballaggi in plastica vengano “sciacquati” al fine di eliminare tutti i possibili residui.

Inoltre è necessario schiacciare le bottiglie prima di conferirle: in questo modo occupano meno spazio in casa e ...all’interno della campana!

I diversi tipi di plastica

Esistono diversi tipi di materie plastiche che si differenziano per l’aspetto esteriore e per le caratteristiche e destinazioni d’uso, ma sono accomunati per alcune proprietà quali la leggerezza, la lavabilità, la resistenza e l’economicità.

Le materie plastiche più diffuse nel mercato sono le seguenti:

TIPO USO
Polietilentereftalato

Bottiglie per acque minerali - Bottiglie per bevande - Bottiglie per altri liquidi alimentari

Polivinilcloruro

Bottiglie - Nastro isolante - Fili elettrici - Tubi

Polistirene

Vaschette per alimenti - Bicchieri - Piatti - Contenitori termici

Polipropilene

Siringhe - Pennarelli

Polietilene

Sacchetti per l’immondizia - Sacchetti per la spesa - Sacchetti per surgelare i cibi

 

Perché non si raccolgono i bicchieri di plastica?

In base alla normativa vigente (Decreto Ronchi) per prodotti che non hanno una funzione di imballaggio non si attua una raccolta a livello nazionale, in quanto per gli stessi non è prevista alcuna forma di “responsabilità condivisa” tra produttori e amministrazioni pubbliche.
Pertanto può capitare che prodotti di uno stesso materiale (ad esempio piatti e bicchieri di plastica), seppure riciclabili, non vengano ritirati e recuperati perché non rispondono alla definizione di imballaggio.
Infatti si definisce imballaggio: il prodotto, composto di materiali di qualsiasi natura, adibito a contenere e a proteggere determinate merci, dalle materie prime ai prodotti finiti, a consentire la loro manipolazione e la loro consegna dal produttore al consumatore o all’utilizzatore, e ad assicurare la loro presentazione, nonché gli articoli a perdere usati allo stesso scopo.

Un piatto o un bicchiere di plastica venduto in confezioni da più pezzi per essere poi utilizzato in casa, non ricade in questa definizione e pertanto non viene raccolto e recuperato insieme agli imballaggi in plastica sebbene sia realizzato con poliestere e polietilene, materiali completamente riciclabili!
Questo è uno dei motivi per i quali è sconsigliabile acquistare (o abusare!) di materiali “usa e getta” non soggetti a raccolta differenziata ed è preferibile scegliere i tradizionali piatti e bicchieri in ceramica, vetro o altri materiali “a lunga durata”.


Cosa succede dopo la raccolta?

Il processo del riciclo
La raccolta degli imballaggi in plastica viene effettuata generalmente unitamente ad altri materiali riciclabili quali vetro e/o alluminio. Il materiale misto viene conferito presso gli impianti di selezione e primo trattamento, dove viene effettuata una selezione manuale per eliminare materiali estranei e oggetti in plastica che non rientrano nella definizione di “imballaggio”.
Successivamente, per mezzo di processi meccanici, vengono selezionati i metalli e il vetro e si separano due tipologie di plastica: PET e PE a bassa ed alta densità, ovvero gli imballaggi rigidi da quelli molli.
Il materiale così selezionato viene confezionato in balle omogenee ed avviato al successivo processo di lavorazione che è il riciclaggio meccanico.
Con processi meccanici il materiale può essere trasformato in scaglie o in granuli: questi prodotti sono la “materia prima” per la produzione di nuovi oggetti.
E’ in via di sperimentazione anche un diverso tipo di processo: il riciclaggio chimico dal quale, attraverso la rottura dei polimeri si ottengono i monomeri di partenza.

I prodotti del riciclo

A seconda del grado di selezione degli imballaggi in plastica raccolti, si ottengono prodotti diversamente pregiati. Infatti se diversi tipi di plastica vengono lavorati insieme, il prodotto che ne risulta è una plastica riciclata eterogenea che viene impiegata per la produzione di elementi di arredo urbano (panchine, parchi giochi per bambini) e cartellonistica stradale.
Se invece gli imballaggi vengono lavorati separatamente per classi omogenee, il risultato è un prodotto pregiato, una vera e propria “materia prima secondaria”, che mantiene le stesse caratteristiche tecniche e chimiche del materiale originario.

Ecco in cosa si trasformano i vari tipi di plastica:

PET

Nuovi contenitori

Fibre per imbottiture

Maglioni “pile”

Moquette

Interni per auto

PVC

Tubi, scarichi, raccordi

Passacavi

PE

Contenitori per detergenti casa

Tappi

Casalinghi

Pellicole

 
Byjoomla Synegy Font changer Byjoomla Synegy Font changer Byjoomla Synegy Font changer
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Joomla template by ByJoomla.com
ByJoomla.com